NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo


Guido Nigrelli, Chiara Audisio


IL SIT-RIG DELLA VAL GERMANASCA

THE SIT-RIG OF THE GERMANASCA VALLEY (ITALIAN WESTERN ALPS)


Dal 2007 l’Unione Europea si è dotata di adeguati strumenti normativi atti a cercare di ridurre i rischi connessi ad eventi alluvionali (Direttiva 2007/60/CE, recepita in Italia dal D.Lgs. 49/2010). L’acquisizione di una legge non è però sufficiente a definire la pericolosità e i rischi legati ai processi lungo la rete idrografica e sui versanti. Per rispondere agli strumenti normativi è necessario dotarsi di una metodologia di lavoro che comprenda un’analisi degli eventi pluviometrici, la ricerca e la raccolta dei dati storici, nonché la definizione della modalità di gestione di tali dati. Questo articolo presenta un esempio di come, a partire da dati storici legati ad eventi alluvionali pregressi e attraverso l’utilizzo di Sistemi Informativi Territoriali, si possa arrivare a definire una zonazione del territorio in funzione delle aree che possono essere maggiormente coinvolte durante un evento parossistico. Allo stesso modo possono essere individuate le tipologie di fenomeno e di danno che hanno le probabilità maggiori di verificarsi. La metodologia di studio è stata applicata al bacino del Torrente Germanasca, sito nelle Alpi Cozie centrali (Piemonte, Italia).
Parole chiave: Pianificazione territoriale, GIS, WebGIS, Val Germanasca, Piemonte.

Directive 2007/60/EC on the assessment and management of flood risk was implemented on 26 November 2007. The directive requires member states to conduct several activities: assess possibility of flooding along all water courses and coastlines; map flood extent; quantify the risk of people and property potentially exposed to flooding; and take coordinated measures to adequately reduce this risk. In Italy, Directive 2007/60/EC entered into force by the D.Lgs. 49/2010. The directive is not alone a solution for defining hazard and risk from geo-hydrological processes. The analysis of rainfall events, collection investigation of historical data, the rule’s definition of these data management give the possibility to adopt a methodology that can satisfy the European Directive’s request.
The Research Institute for Geo-hydrological Protection of the National Research Council (CNR-IRPI) has developed an interdisciplinary procedure for studying floods. The method is specifically designed to identify areas of high flood hazard, in keeping with the mandate of Directive 2007/60/EC. The methodology is based on analysis of historical data for past floods and landslides, and on utilization of a Geographic Information System (GIS). The procedure was applied in the Germanasca Valley. This paper reports the results of that pilot study.
Keywords: Land Planning, GIS, WebGIS, Germanasca Valley, Piemonte.