NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ruggiero Jappelli

L’ESERCIZIO DEI SERBATOI DI VOCABOLI. Alimentazione, regolazione, restituzione

OPERATING RESERVOIRS OF WORDS. Supplying, Controlling, Tailracing


L’Ingegneria delle Dighe è un’articolata branca dell’Ingegneria Civile, nella quale concorrono discipline diverse; la sua coltivazione richiede una visione globale per la costruzione di un linguaggio comune basato su definizioni univoche. Il dizionario è un grande e variegato serbatoio generale, dal quale attingere con discernimento e rigore appropriati termini ed espressioni per un vocabolario di settore. L’alimentazione del serbatoio deve essere ispirata ai requisiti di economia, semplicità e chiarezza di ogni scelta semantica, aperta ai prestiti da altre lingue, ma rispettosa della lingua italiana e con questa congruente. Un uso limpido richiede depurazione, sedimentazione e potabilizzazione, ma, soprattutto, capacità di laminazione di piene verbali in presenza dei moderni incessanti mutamenti semantici. La gestione, che comporta di tanto in tanto la manovra di uno scarico di alleggerimento del “troppo e del vano”, non può che affidarsi all’autoregolazione di tecnici e cultori delle discipline che contribuiscono alla materia e ad un’oculata riscrittura di norme, nelle quali sia salvaguardata l’unità della materia.
Parole chiave: Autoregolazione, Difetti, Vocabolario.

The complexity of Dam Engineering arises from the number of requisites to be satisfied, the variety of phenomena involved, the differences among the related bodies of knowledge, and the constraints imposed to the physical system. Owing to its fragmentation, this peculiar branch of Civil Engineering demands a great effort aimed at devising a technical language based upon unambiguous definitions. General dictionaries offer large reservoirs of words and expressions; however, the mining from dictionaries implies discernment and strictness, global sight into the field, compliance to requisites of economy, simplicity and clarity of a semantic open to loans from different languages, but respectful of the Italian tradition. The feeding of a glossary in the field requires filtering and regulation abilities against uncontrolled floods of words and expressions; the reservoir’s operation in an age of continuous semantic transformations imposes from time to time discharge measures aiming at relieving redundancies through ideal outlets and tailrace channels into the international river of words. In spite of existing glossaries and guidelines, an appropriate regulation of the reservoir can only be achieved through an auto-discipline of engineers and writers and through accurate and formally correct revising of dam codes aiming at the safeguard of the peculiarities of the field.
Keywords: Self-control, Defect, Vocabulary.