NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Gabriele Cassani, Marco Franchini, Giorgio Galeati, Paolo Mazzoli

IL BILANCIO IDRICO. Una metodologia per la valutazione della compatibilità tra risorsa idrica e idroesigenze ambientali e antropiche

THE WATER BALANCE. A Methodology for Evaluating the Compatibility between Surface Water Resources and Environmental and Anthropic Requirements


Sommario
Questa memoria presenta una metodologia di facile utilizzo per valutare a livello di bacino la compatibilità tra la risorsa idrica superficiale, i fabbisogni ambientali e i fabbisogni antropici. Lo schema di analisi messo a punto si compone di quattro passi: 1) suddivisione dell’asta fluviale in tratti d’alveo rilevanti ai fini del bilancio idrico, 2) stima, con riferimento al periodo temporale di interesse, della disponibilità idrica superficiale lungo ciascun tratto mediante il calcolo della curva di durata delle portate medie giornaliere, 3) stima, per lo stesso intervallo temporale, delle necessità ambientali (Deflusso Minimo Vitale - DMV) e dei volumi richiesti per uso idropotabile, agricolo e industriale, 4) sviluppo del bilancio idrico in ciascun tratto tenendo conto degli effetti indotti a valle dall’utilizzo della risorsa idrica nei tratti di monte. L’applicazione della procedura è illustrata con riferimento ad un bacino idrografico ubicato nella regione Emilia Romagna, il fiume Lamone, per il quale sono state individuate 11 tratte fluviali. I risultati mostrano chiaramente le potenzialità della procedura proposta. In particolare, essa consente (a) di quantificare, con riferimento a ciascun tratto, su quale durata è effettivamente possibile eseguire il prelievo, (b) di quantificare la portata massima da derivare necessaria per soddisfare il volume richiesto (rendendo così possibile un confronto con l’effettiva portata di prelievo che gli utenti possono attuare) e (c) di identificare i casi in cui può risultare necessario che le utenze debbano predisporre invasi dove immagazzinare temporaneamente l’acqua prelevata.
Parole chiave: Bilancio idrico, Deflusso minimo vitale, Curva di durata, Regionalizzazione, Concessione di prelievo.

Summary
This paper presents an easy to use methodology to evaluate, at basin level, the compatibility between the surface water resources and the environmental and anthropic requirements. The scheme of analysis here presented is composed of four steps: 1) subdivision of the river reach into sub-reaches of interest for the water balance, 2) estimate, with reference to the period of interest, of the river water availability along each sub-reach by using the duration curve, 3) estimate, for the same time interval, of the environmental requirements (minimum flow) and of the water necessary for civil, agricultural and industrial uses, 4) development of a water balance in each sub-reach by considering the effects produced downstream by water resource use in the upstream sub-reaches. The procedure is applied with reference to a basin located in Emilia Romagna, the Lamone river, along which 11 sub-reaches are identified. The results show the potential of the procedure proposed. In particular, this procedure allows for (a) the quantification, with reference to each sub-reach, of the duration in which the withdrawal is possible, (b) the quantification of the maximum discharge to derive in order to satisfy the volume requested (thus making a comparison possible with the discharge that the users can actually derive) and (c) the identification of the situations where the users have to provide reservoirs for temporarily stocking the water withdrawn.
Keywords: Water balance, Minimum Flow, Duration Curve, Regionalisation Techinque, Water Collection Claim.

Sei qui: Home News Archivio-eventi Uncategorised n. 2-09 Cassani et al.