NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Paolo Valgoi

MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA DIGA DI S. GIACOMO DI FRAELE

EXTRAORDINARY MAINTENANCE OF “S. GIACOMO DI FRAELE” DAM


Sommario
Il presente lavoro ha per oggetto la descrizione degli interventi eseguiti negli anni 2003÷2005, e in corso, e finalizzati al recupero totale della capacità di invaso del serbatoio di San Giacomo di Fraele in Alta Valtellina. Un importante investimento per AEM SPA che consentirà di recuperare circa 15x106 m3 di capacità di invaso da utilizzare poi su un dislivello totale di circa 1600 m. La diga di San Giacomo ha la particolarità di essere controinvasata per circa 35 m di altezza sul piano di fondazione dal sottostante serbatoio di Cancano. Gli obbiettivi del progetto manutentivo sono stati raggiunti attraverso l’appesantimento strutturale dell’opera, la realizzazione dello schermo impermeabile da valle ed il rifacimento a normativa dello schermo drenante in corpo diga ed in fondazione. Grazie a questi lavori si può contare, sia su un maggior peso della struttura sia su un efficace abbattimento delle sottopressioni, fattori concomitanti che concorrono alla verifica a scorrimento della struttura secondo il DM 24 marzo 1982. Nella nuova configurazione la diga risulta inoltre essere completamente agibile ed ispezionabile anche in corrispondenza dei massimi invasi di Cancano. La posa di gunite armata a rivestimento protettivo delle pareti dei vani fra gli speroni, contribuisce infine a preservare maggiormente i calcestruzzi dagli attacchi climatici del ghiaccio e delle forti escursioni termiche. A compendio delle attività manutentive sulla diga vi è la realizzazione di una nuova centrale idroelettrica che utilizza il salto fra i serbatoi di San Giacomo e di Cancano.
Parole chiave: Diga, Sottopressione, Strumentazione, Verifica a scorrimento.

Summary
This paper describes the works carried on with the aim of recover the storage capacity of San Giacomo di Fraele reservoir (located in Alta Valtellina - Central Alps). The dam has the characteristic to be submerged, on the tail side, by the lower reservoir of Cancano, that reaches a maximum level that is 35 metres higher than the dam foundation level. The works started in year 2003 and are still carried on. This important investment will allow AEM to recover about 15x106 cubic meters of reservoir capacity, that will be exploited in a total fall of 1600 m. The goal of the investment is reached by a structural increase of the weight of the dam, by the realization of a grouting screen in the tail of the dam and by the remaking of drainage perforations in the dam foundations. Thanks to the increase in weight and to the decrease of the water pressure causing buoyancy, the Italian law (D.M. 24 marzo 1982) safety rules have been fulfilled. After the rehabilitation works, it is possible to inspect all the parts of the dam, even when Cancano reservoir is at its maximum level. A layer of shotcrete will further increase the weight of the dam and will protect the buttress from ice and thermic excursions. At the same time of the dam rehabilitation works, is being realized a new hydro power plant that exploits the difference of head between San Giacomo and Cancano reservoirs.
Keywords: Dam, Water Pressure Buoyancy, Instrumentation, Slippage Loss Check Out.

Sei qui: Home News Archivio-eventi Uncategorised n. 4-09 Valgoi