NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Iolanda Lisi, Antonello Bruschi, Marilina Del Gizzo, Massimiliano Archina, Angela Barbano, Stefano Corsini

LE UNITÀ FISIOGRAFICHE E LE PROFONDITÀ DI CHIUSURA DELLA COSTA ITALIANA

PHYSIOGRAPHIC UNITS AND DEPTHS OF CLOSURE FOR THE ITALIAN COAST

Pianificare interventi in aree costiere richiede un’attenta analisi della naturale tendenza evolutiva dei litorali, soprattutto in aree già soggette a problematiche di tipo ambientale e socioeconomico. Per questo la classificazione delle aree costiere a partire dai principali parametri fisici e morfologici che ne determinano lo status quo, risulta basilare per identificare unità morfodinamicamente indipendenti cui ricondurre qualunque ipotesi di intervento lungo i litorali. Studi specialistici condotti in ambito marino costiero fanno riferimento sempre più spesso alla definizione di Unità Fisiografica (UF), il cui significato strettamente ingegneristico implica che gli effetti indotti dalla realizzazione di un’opera non si estendono al di fuori dell’UF di cui essa viene a far parte. Nella presente memoria il litorale italiano è stato suddiviso in 235 UF, di cui sono individuati i limiti lungo la costa sulla base delle principali componenti descrittive della morfologia di spiaggia emersa e sommersa e l’estensione verso il largo della fascia attiva, ovvero la Profondità di Chiusura (PdC) su base climatica, mediante formulazioni note in letteratura.
Parole chiave: Unità fisiografica, Profondità di chiusura, Aree costiere.

Coastal stability is an important issue for a proper coastal management planning. For this reason the mutual interaction of all parameters that describe the evolution of a coastal zone must be taken into account in order to estimate coastal erosion or accretion. It should be noted that the coastal zone can be divided into sub-units identified by a different coastal dynamics: the Physiographic Units (PU). A PU is defined as a portion of the coast in which the displacement of sedimentary materials is confined within its boundaries. Hence in order to assess the shoreline evolution trend it is needed to proceed with the identification of specific PUs, defining both their boundaries along the coast and the seaward depth of the submerged beach, known as the Depth of Closure (DoC). In this paper the subdivision of the Italian coast into 235 PUs has been carried out by taking into account some of the most important parameters of the coastal morphology: the emerged and submerged beach features, the sediment transport due to river outlet and the shoreline orientation. Then, the DoC has been evaluated using the method proposed by Hallermeier.
Keywords: Physiographic Units, Depth of Closure, Coastal Zone.

Sei qui: Home News Archivio-eventi Uncategorised n. 2-2010 Lisi et al.