NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Luigi Da Deppo

VAJONT 1963

La sera del 9 ottobre 1963 una gigantesca frana del volume di circa 250 milioni di m3 si staccò dal monte Toc, in sponda sinistra del torrente Vajont (Piave-Belluno), sul quale era stata da poco completata la diga ad arco più alta del mondo (altezza 261,60 m, volume di invaso 169·106 m3). Il lago era invasato fino a quota 700,30 m s.m.m.. 
L’onda provocata dall’ingresso della frana nel lago, stimata di 250 m di altezza e con un volume di circa 50·106 m3, investì, distruggendole, alcune frazioni di Erto e Casso (allora Udine, ora Pordenone), una parte (25·106 m3) sormontò quindi il coronamento della diga ed investì Longarone (Belluno) distruggendolo quasi completamente; la stima più accreditata fissa il numero delle vittime a 1909. Anche i danni materiali furono ingentissimi. La nota tratta della descrizione della diga e della sua costruzione, della frana e della sua evoluzione durante gli invasi sperimentali, delle prove su modello idraulico, per fissare una quota di sicurezza per l’invaso, e delle ragioni che hanno portato alla catastrofe.
Parole chiave: Diga, Vajont, Frana.

On the night of 9 October 1963, a massive landslide of about 250 million m3 of rock fell from Monte Toc, on the left bank of the Vajont River valley (Piave watershed, Belluno, northern Italy), onto which the world tallest arch dam (261.60 m high, maximum reservoir volume of 169 million m3) had been recently completed. The reservoir level was 700.30 m asl and the wave created by the landslide impact, estimated to have had a height of 250 m and a volume of about 50 million m3, swept and destroyed parts of both Erto and Casso villages (Udine province at the time, now Pordenone). A fraction of the wave (25 million m3) overtopped the dam and hit Longarone (Belluno), wrecking it almost completely. According to the most accredited estimate, 1909 people were killed, while material damages were enormous. This paper deals with the description of the dam and its construction, the landslide and its evolution during the experimental fillings, the tests carried out on a physical model to determine a safety level for the reservoir, and the causes of the catastrophe. 
Keywords: Dam, Vajont, Landslide.

 

Sei qui: Home Uncategorised n. 2-2014 Da Deppo