NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ruggiero Jappelli

INNOVAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LINGUAGGIO TECNICO

CONTROLLING TECHNICAL LANGUAGE

Ardua res vetustis novitatem dare, novis auctoritatem,
dubiis fidem, fastiditis gratiam
Plinio

Si propone una disamina delle principali moderne deviazioni del linguaggio tecnico, che si manifestano negli scritti e nelle orazioni sotto forme varie di oscurità, incongruenza e ridondanza, per ricercarne le cause, che si annidano nell’importazione selvaggia di vocaboli stranieri, e nell’ambiguità celate in alcune espressioni, nella dilagante negligenza di collazionamento ed in alcune mende. Alla rassegna, tutt’altro che scientifica, si accompagnano esempi e suggerimenti, non dettati da pedanteria, ma dal semplice buon senso, che mirano al rispetto del ricco patrimonio linguistico italiano, senza trascurarne la travolgente evoluzione sotto la spinta dell’innovazione tecnologica, così come le industrie che innovano senza stravolgere l’iniziale impianto.
Parole Chiave: Linguaggio, Requisito, Deviazione, Tutela.

Language deviations are a frequent source of unintentional ambiguities, faults and redundancies in technical papers submitted to editors. Causes of such increasingly serious trend can be searched for in a decreasing care for logical sequence, restrained and not appropriate import of words and expressions from different languages, and even hasty approach to collation and editing. The review is illustrated by examples aiming at a better control of the rich Italian vocabulary and respect of foreign languages under the tumultuous demand of appropriate neologisms. Paper is inspired by humble engineering judgement rather than scientific knowledge of the subject, nor by pedantry.
Key Words: Language, Requisite, Deviation, Safeguard.

Sei qui: Home Uncategorised n. 2-2014 Jappelli