NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Salvatore Alecci, Bartolomeo Rejtano, Giuseppe Rossi Paradiso

ETICA AMBIENTE E ACQUA. Verso un nuovo paradigma

ETHICS ENVIRONMENT AND WATER. Towards a New Paradigm

1. INTRODUZIONE
Questo numero della rivista è un numero speciale perché è dedicato ad un tema non usuale per “L’Acqua”, e probabilmente poco frequentato (almeno consapevolmente) dai suoi lettori e, apparentemente, lontano dai loro interessi. 
E’ probabile infatti che molti di essi, leggendo sotto il frontespizio di copertina le parole “Etica, ambiente e acqua”, abbiano avuto un moto di sorpresa e si siano chiesti cosa leghi l’etica all’acqua e all’ambiente. Forse avranno anche pensato che in questo numero avrebbero trovato ben poco da leggere di loro interesse. In realtà crediamo che nel corso della lettura si ricrederanno, e vi ritroveranno parole già molte volte lette o pronunziate, e molti concetti già (più o meno faticosamente e efficacemente) praticati. Nel contempo potranno anche scoprire le origini e le motivazioni di concetti ritenuti scontati, ma che sono invece il risultato di laboriosi ragionamenti. 
Pratichiamo la sostenibilità dello sviluppo economico quando tentiamo di ridurre il consumo delle risorse naturali ed in particolare dell’acqua, pratichiamo la conservazione dell’ambiente quando ci adoperiamo per ridurre l’inquinamento, ed in particolare gli scarichi di acque reflue nei corpi idrici, pratichiamo la riqualificazione dell’ambiente quando, ad esempio, rilasciamo il deflusso minimo vitale nei corsi d’acqua o avviamo la demolizione dei rivestimenti cementizi delle sponde dei corsi d’acqua. Quello che ci è sembrato mancare, e che abbiamo cercato di offrire in questo numero speciale, è la base comune di questi concetti, il filo conduttore che li unisce e li rafforza, che è proprio l’Etica. Tutti i concetti prima indicati, e molti altri, derivano infatti da principi etici. La sostenibilità dello sviluppo ha un senso in una prospettiva di solidarietà fra le generazioni, se pensiamo che anche le generazioni future abbiano dei diritti e che è nostro dovere cercare di salvaguardarli. Il risparmio delle risorse naturali ed il contenimento della nostra impronta ecologica sono un dovere in una prospettiva di eguaglianza dei diritti infra-generazione e inter-generazioni. La conservazione e la riqualificazione dell’ambiente sono doveri se pensiamo all’ambiente come ad un patrimonio ricevuto, da condividere in una prospettiva di solidarietà con l’intera biosfera, nel tempo attuale ed in quello futuro.

.......

Sei qui: Home Uncategorised n. 2-2017 - Alecci et al.