NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Luigi Da Deppo

L’ALLUVIONE DEL 3-4 NOVEMBRE 1966 NELLE TRE VENEZIE. Considerazioni (malinconiche) dopo 50 anni

THE 1966 GREAT FLOOD IN NORTHEAST ITALY. 50 Years Later: (Melancholic) Considerations

L’evento alluvionale del Novembre 1966, che ha colpito varie parti d’Italia, tra cui, in modo grave, Firenze, è stato particolarmente intenso nelle Tre Venezie dove ha interessato torrenti, fiumi ma anche, ed in maniera eccezionale, la Laguna e la città di Venezia.
Nella nota, richiamata la “memorabile” alluvione dei fiumi Veneti del 1882, e quella, più recente, del 1965, vengono descritti i caratteri climatici e meteorologici che hanno dato luogo all’evento del 1966 e le conseguenze sui principali corsi d’acqua e sulla laguna.
Vengono in particolare ricordati alcuni interventi realizzati per l’Adige dopo la piena del 1882 che hanno evitato, successivamente, danni alla città di Verona ed ai territori a valle della stessa; sono anche richiamate altre opere, previste dopo il 1966, ma non realizzate, che potrebbero significativamente ridurre i danni nel caso, certamente possibile, del ripetersi di eventi simili a quello del 1966. 
Alcune considerazioni sono infine svolte su quali sarebbero oggi le conseguenze di un evento analogo a quello del 1966.
Parole chiave: Alluvione, Tre Venezie, Veneto, Venezia, Fiumi veneti, Adige, Piave, Tagliamento.

The flood event of November 1966, which involved various locations in Italy, including Florence with serious damages, has been particularly intense in Northeast Italy, where not only streams and rivers were affected, but also, and in an exceptional way, the Lagoon and the city of Venice. 
In this note, we first recall the “memorable” flood of the Venetian rivers in 1882, and, more recently, in 1965, and describe the climatic and meteorological characteristics that led to the event of 1966, as well as the consequences on the main rivers and the lagoon. 
We also recall some interventions, carried out on the Adige River after the flood of 1882, which proved effective to prevent subsequent floods damaging the city of Verona and its downstream areas; other works are also described, planned after 1966, but never implemented, that could significantly reduce the damage in the case, certainly possible, of a recurrence of events similar to that of 1966. 
Some considerations are finally proposed on what would now be the consequences of a flood event similar to that of 1966.
Key Words: Flood, Northeast Italy, Veneto, Venice, Veneto Rivers, Adige, Piave, Tagliamento.

Sei qui: Home Uncategorised n. 4-5-2016 Da Deppo